DIVENTA DONATORE

Per iscriverti scarica i seguenti moduli:

Domanda di iscrizione – fronte

Domanda di iscrizione – retro

Perché donare?

Il sangue umano è un prodotto naturale non riproducibile artificialmente. E’ un tessuto costituito da una parte liquida, il plasma e da una parte corpuscolata, rappresentata da globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Nonostante i progressi tecnologici e scientifici, il sangue rappresenta ancora oggi una risorsa insostituibile nella terapia di molte malatDiventa donatoretie. E’ un supporto indispensabile nei pazienti oncologici in chemioterapia o in quelli che hanno subito un trapianto di midollo osseo e in trapiantologia.
Donare sangue volontariamente e con consapevolezza permette di concretizzare la propria disponibilità verso gli altri, ma anche verso se stessi, poiché così facendo si alimenta un patrimonio collettivo di cui ciascuno può usufruire al momento del bisogno. In Italia attualmente non è stato ancora raggiunto l’ obiettivo dell’ autosufficienza nazionale: esistono profondi squilibri tra le diverse regioni del nostro Paese, per cui il divario fra la raccolta e il reale bisogno non trova compensazione creando uno stato di emergenza e di carenza continuo. Per sanarlo, l’unica strada percorribile è quella di sensibilizzare forte- mente i cittadini nei confronti della donazione volontaria e periodica del sangue e dei suoi emocomponenti.
La donazione non comporta rischi di alcun genere per la salute. II sangue, è infatti una fonte di energia rinnovabile ed è quindi possibile privarsene in parte senza che l’ organismo ne risenta. Il donatore ha anche la possibilità di controllare periodicamente il proprio stato di salute.
Donare il sangue, anonimamente, gratuitamente, volontariamente, periodicamente e responsabilmente rappresenta oggi la maggior garanzia in termini di sicurezza trasfusionale.

Chi può donare?Diventa donatore

Chiunque abbia un’ età maggiore ai 18 anni, un peso corporeo non inferiore ai 50 Kg e sia in buono stato di salute, può presentarsi presso una qualsiasi sede AVIS e chiedere di iscriversi all’ Associazione per poter donare il proprio sangue. Il candidato donatore verrà sottoposto a un colloquio preliminare e a una visita medica completa per verificare se vi siano controindicazioni alla donazione. Successive analisi di laboratorio confermeranno l’ effettiva idoneità all’ attività donazionale.
Per il giudizio di idoneità esistono una serie di criteri, fissati da decreti ministeriali, raccomandazioni delle Società scientifiche, dell’ Unione Europea e dell’ organizzazione .Mondiale della Sanità. Tra questi ricordiamo quali cause di esclusione (e/o autoesclusione) definitiva:

  • assunzione di droghe
  • comportamento a rischio per AIDS e altre patologie trasmissibili
  • patologie croniche
  • cardiopatie
  • positività per vari test (sifilide, epatite B, epatite C, HIV)
  • epatiti virali.

Esistono inoltre condizioni che controindicano solo temporaneamente la donazione quali, a titolo esemplificativo:

  • gravidanza (fino a un anno dal parto)
  • recenti soggiorni in paesi tropicali
  • vaccinazioniDiventa donatore
  • alcune infezioni (bronchiti, ascessi, ecc.)
  • interventi chirurgici

In base alla L. 107/90 art. 13 “I donatori di sangue ed emocomponenti con rapporto di lavoro dipendente hanno diritto ad astenersi dal lavoro per l’intera giornata in cui effettuano la donazione conservando la normale retribuzione per l’intera giornata lavorativa”.